POS Easy 1% di commissioni e oltre il 40% di sconto sul POS! Scopri la promo

POS Easy 1% di commissioni e oltre il 40% di sconto sul POS! Scopri la promo

Insight
 / 
Buy Now Pay Later o credito al consumo per pagare a rate online?

Buy Now Pay Later o credito al consumo per pagare a rate online?

Pubblicazione: 27 aprile 2022 • Tempo di lettura: 5 minuti

L’uso di strumenti alternativi alle carte in ambito Ecommerce sta crescendo in tutto il mondo. Le soluzioni di pagamento sono centinaia e ad affiancare i wallet digitali, che stanno guadagnando terreno rispetto alle carte di credito e debito, ce ne sono alcune che stanno riscontrando maggiore successo.

Una formula in particolare sta ricevendo il favore dei consumatori: i pagamenti a rate online. Esistono diverse soluzioni per pagare in tranche online, le due più utilizzate sono:

  • credito al consumo. La forma tecnica più tradizionale e sul mercato da più tempo soprattutto nelle catene retail.
  • Buy Now Pay Later (“compri ora, paghi dopo”, in italiano). Sono piattaforme introdotte sul mercato del commercio elettronico più di recente che stanno già facendo registrare volumi significativi, come vedremo in seguito.

Credito al consumo online: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

Il credito al consumo è un finanziamento a breve termine, erogato da banche o società finanziarie, dedicato a consumatori, ossia a persone fisiche e non a soggetti giuridici, per l’acquisto di beni o servizi.

È una forma tecnica di erogazione del credito che esiste da tempo, molto comune soprattutto nelle catene retail e da qualche anno anche online. I volumi sono in crescita in tutta Europa e, secondo dati della Banca Centrale Europea, a febbraio 2022 la media europea di credito erogato si è attestata intorno a 694 miliardi di euro, dopo una leggera flessione e ripresa dal picco di quasi 704 miliardi di euro toccato a novembre 2021.

Il report annuale 2021 di Assofin, Associazione Italiana del Credito al Consumo e Immobiliare, ha fotografato la situazione in Italia. Nel corso del 2021, secondo Assofin¹, sono stati erogati oltre 22 milioni di euro solo di prestiti personali, corrispondenti a più di 2 milioni di prestiti portando il credito in essere per questa forma di finanziamento a quasi 59 milioni di euro. Se si considerano anche altre forme come le dilazioni sulle carte rateali, i finanziamenti per acquisti auto, altri prestiti finalizzati e la cessione del quinto, in Italia il totale erogato nel 2021 ha superato la quota di 498 milioni di euro.

Questa soluzione incontra un favore di un pubblico crescente, anche considerato che, sempre in Italia, i flussi finanziati nel 2021 sono aumentati di oltre il 17%. Anche per questo sempre più aziende integrano la possibilità di accendere prestiti personali direttamente nel percorso di acquisto, in-store e online.

I vantaggi di offrire questa opportunità sono più di uno:

  1. soprattutto nel caso di scontrini medi elevati, l’offerta di rateizzare il pagamento con questa formula permette di ampliare il bacino di clienti e di aumentare la conversione dei carrelli.
  2. Le finanziarie, nel tempo, hanno reso più semplice e veloce l’accessibilità a queste tipologie di prestiti, riducendo i tempi che intercorrono tra la richiesta e l’eventuale concessione del credito.
  3. I tassi applicati sono più bassi di altre formule, ad esempio di quelli applicati alle carte rateali o revolving.
  4. La durata del prestito è flessibile e può arrivare anche a 10 anni e sono sempre meno infrequenti dilazioni anche più lunghe.

Va anche segnalato però che questa forma di pagamento rateale ha anche dei punti di attenzione, che vanno considerati sia dai merchant sia dai loro clienti:

  1. ai costi di acquisto del bene o servizio, vanno aggiunti quelli relativi al finanziamento, uno su tutti il tasso applicato e gli eventuali costi correlati
  2. Rispetto ad altre soluzioni alternative, come Buy Now Pay Later che approfondiamo nel prossimo capitolo, ha dei tempi di finalizzazione più lunghi, con il rischio che l’acquirente desista dal finalizzare l’acquisto.
  3. L’erogazione del credito è soggetta ad una valutazione del merito creditizio del cliente che quindi potrebbe veder sfumare la possibilità di concludere l’acquisto.

Come anticipato all’inizio, nell’ultimo periodo nuove soluzioni di pagamento in tranche stanno affiancando il credito al consumo che vengono genericamente raggruppate sotto la definizione di  Buy Now Pay Later.

Buy Now Pay Later: cos’è e come funziona

Cosa si intende con Buy Now Pay Later (BNPL)? Con questa espressione ci si riferisce alle forme di dilazione dei pagamenti (tipicamente online, ma per estensione e in alcuni contesti anche offline), a breve termine, offerte da aziende specializzate. Sempre più apprezzato in tutto il mondo, questo fenomeno sta registrando numeri velocemente in crescita.

Klarna, colosso svedese leader in questo settore nel mondo, a fine giugno 2021 contava circa 90 milioni di utenti attivi che hanno generato volumi (Gross Merchandise Value) per oltre 53 miliardi di dollari. I 16 milioni di utenti di Afterpay, azienda australiana che opera in questo ambito, lo scorso anno hanno generato 11 miliardi di dollari di volumi. ²

Per avere un quadro completo dell’impatto dei pagamenti a rate online, vanno poi considerati altri player come Scalapay o Sezzle, per citare solo due delle piattaforme più conosciute, e i volumi generati dai pagamenti in tranche integrati da aziende internazionali nell’ambito dell’Ecommerce, Amazon su tutti, e PayPal, che da poco ha introdotto la soluzione “Paga in 3 rate” per i suoi utenti.

Osserviamo ora la penetrazione di questi strumenti nel periodo 2016-2021 secondo un dossier pubblicato da Statista. Nel mondo, sei anni fa le piattaforme di BNPL rappresentavano lo 0,4% dei pagamenti mentre alla fine del 2021 la loro quota di mercato è salita al 3%. Va considerato poi che l’indice di gradimento di queste soluzioni varia a seconda dell’area geografica presa in esame. In Svezia, per esempio, nel 2016 i pagamenti in tranche rappresentavano già il 12% del mercato e a fine 2021 sono arrivati ad un quarto del totale dei pagamenti. In Germania, il secondo Paese nella lista di nazioni prese in esame da Statista, nello stesso periodo le piattaforme di Buy Now Pay Later sono passate dal 3% al 20%. ²

E in Italia? Questi strumenti sono arrivati più tardi ma stanno generando numeri interessanti. Nel 2019 rappresentavano solo l’1% dei pagamenti ma nel 2021 hanno quadruplicato i volumi, raggiungendo il 4% del mercato.

Il successo delle piattaforme Buy Now Pay Later può essere ricondotto ad una serie di fattori che spaziano dalle abitudini e propensioni dei consumatori alla capacità delle singole aziende di questo settore nel promuovere, sul pubblico di esercenti e consumatori, le loro soluzioni. Ci sono poi alcuni vantaggi oggettivi per tutta la filiera:

  1. usabilità e interfaccia. Molti di questi servizi sono semplici da integrare per gli esercenti e da usare per gli utenti.
  2. Flessibilità. Alcune piattaforme permettono di scegliere come dilazionare il pagamento, per esempio in una sola soluzione dopo un determinato periodo o in più tranche.
  3. Incasso immediato per l’esercente. L’importo viene accreditato all’esercente per l’importo totale e non secondo i tempi previsti dalle rate scelte dall’acquirente.

Nonostante le piattaforme di BNPL stiano riscontrando grande successo, non sono prive di punti di attenzione. Va detto infatti che per gli utenti questi servizi non prevedono commissioni che vengono però applicate ai merchant e, spesso, sono più alte rispetto a soluzioni più tradizionali come le carte di credito.

Si possono poi fare delle considerazioni sui rischi per il consumatore, legati non solo alla tipicità di questi strumenti ma anche alla natura stessa dei pagamenti rateali. Facilità e immediatezza di questi strumenti possono incentivare gli acquisti d’impulso con il conseguente aumento del debito generato da chi acquista.

I pagamenti a rate o in tranche in genere, non solo quelli effettuati tramite piattaforme BNPL, rendono meno semplice tenere traccia della propria esposizione debitoria e il rischio è che si accumulino debiti superiori alla propria capacità di rientro.

Le soluzioni Buy Now Pay Later fanno parte delle centinaia di pagamenti alternativi disponibili su Axerve Ecommerce Solutions e sui POS di Axerve. Integrare strumenti di incasso innovativi e in linea con le aspettative dei propri clienti fa parte della strategia aziendale: se hai bisogno di consulenza per scegliere le piattaforme di pagamento ideali per la tua clientela, contattaci e saremo lieti di accompagnarti nella scelta più in linea con il tuo business.

Fonti
1

Osservatorio Assofin credito al consumo e carte di credito | Assofin, 2021

2

Dossier Buy Now, Pay Later (BNPL) | Statista, 2021

TagMetodi di pagamentoEcommercePagamenti digitali

Ricevi gli ultimi aggiornamenti via e-mail