EMERGENZA COVID-19, AXERVE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE, SCOPRI LE INIZIATIVE, CLICCA QUI

EMERGENZA COVID-19, AXERVE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE, SCOPRI LE INIZIATIVE, CLICCA QUI

Omnicanalità e frodi: il punto di vista di Riskified

Abbiamo chiesto a Meirav Peled, Responsabile Partnership EU & APAC di Riskified, azienda leader a livello globale nella prevenzione frodi, di condividere con noi il suo punto di vista su omnicanalità e frodi online. Di seguito, abbiamo riportato un abstract del suo intervento.

Per l'Ecommerce in Europa, che ha già visto un considerevole sviluppo, si prevede nei prossimi cinque - dieci anni una crescita a due cifre. Questo sviluppo è guidato dai consumatori e dalle loro esigenze che stanno evolvendo così come le aspettative dell’esperienza d’acquisto che si aspettano vengono soddisfatte dai brand.

Acquistano ovunque nel mondo ma amano pagare con sistemi di pagamento che utilizzano abitualmente nel loro Paese di origine, comprano online in partenza per un viaggio e chiedono di poter ritirare una volta giunti a destinazione. E ancora, acquistano da mobile in aeroporto e si aspettano che lo store vicino sia in grado di gestirne il reso eventuale, il tutto nella valuta di preferenza, non importa quale.

Il consumatore oggi è multi-canale e multi-device in qualsiasi ora del giorno, quindi questi flussi omnichannel si traducono anche in un maggior numero di touch-point da gestire per gli esercenti e in un'enorme mole di dati che devono essere in grado di gestire in sicurezza.

Stiamo vivendo un’era in cui gli attacchi informatici sono aumentati di otto volte nell'ultimo decennio, è fondamentale quindi che le aziende siano in grado di gestirli soprattutto considerato che in un contesto omnichannel un'errata gestione delle frodi può tradursi anche in un aumento dei falsi positivi – transazioni genuine identificate come frodi – inficiando sulla reputazione del brand e sull'esperienza di acquisto dei clienti. 

“L'81% dei consumatori dichiara di essere molto propenso a rivolgersi alla concorrenza nel caso di esperienze d'acquisto negative.”

Sappiamo tutti quali sono gli impatti di una frode, più difficile identificare i risvolti del timore di subirne una. Di prassi, dopo aver subito una frode, implementiamo soluzioni di prevenzione per la paura di subirne ancora, incrementando però di conseguenza frizione nel customer journey e peggiorando l’esperienza d’acquisto del cliente.  

Cercando di evitare di far fronte ai costi, non solo economici, di gestione di una frode, spesso inficiamo sulle attività di generazione del traffico al nostro Ecommerce e sul funnel di conversione. 

“Secondo una ricerca di Riskified, le frodi online costano a livello globale circa 21 miliardi di dollari all'anno, di questi, 15 miliardi sono perdite dovute alla preoccupazione di subirne.”

La maggior parte delle soluzioni di prevenzione oggi si concentra sull'eliminazione dei falsi positivi, cioè di quelle transazioni rifiutate anche se “genuine”. I sistemi di nuova generazione ottimizzano il tasso di autorizzazione, offrendo agli esercenti l’opportunità non solo di incrementare le vendite ma anche di aumentare il customer lifetime value.

Riskified e Axerve offrono una soluzione end-to-end basata sull'intelligenza artificiale in grado di ridurre notevolmente i costi di chargeback assumendosi la totale responsabilità in caso di frode non identificate. La piattaforma Axerve Guarantee Payment si avvale del machine learning per svolgere in tempo reale attività di analisi delle transazioni che abitualmente richiederebbero molto tempo, considerata la loro complessità. Il tutto a vantaggio del merchant, che viene sollevato dell’incombenza e dei costi dell’attività di prevenzione, e del cliente, al quale viene offerta un'esperienza d’acquisto migliore. Uno strumento di prevenzione quindi che è parte integrante del processo di pagamento, letteralmente invisibile, e allo stesso tempo tangibile per l'esercente che in ritorno ottiene tutta una serie di dati sui quali può fare delle scelte consapevoli.

In conclusione, è chiaro che per rendere al meglio i dati che abbiamo a disposizione ed essere competitivi in un contesto omnicanale, è fondamentale investire in tecnologia basata su intelligenza artificiale che integrata a big data trasversali a settori merceologici e provenienza geografica, possono fare la differenza.

Puoi ascoltare l’intervento integrale cliccando sul video in testa a questo articolo.

Ricevi gli ultimi aggiornamenti via e-mail

Ho preso visione della Privacy Policy e do il consenso al trattamento dei miei dati personali secondo i termini descritti.